Il Venezuela, le dimostrazioni ed il futuro dopo Chavez visto da Al Jazeera

Venezuela’s media wrangle

Dal sito di Al Jazeera

The government and the opposition are fighting it out to make sure it is their version of events that gets reported.

In the past days, Venezuela has seen street protests over an ailing economy that have led to the deaths of at least six people. Both the government and the opposition are telling different stories and fighting it out in the media to make sure that it is their version of events that gets reported.

For the government, this saga goes back to 2002, when the private media hailed a short-lived coup against the government of the late President Hugo Chavez. Chavez’s successor, Nicolas Maduro, has de-fanged the ‘bourgeois’ media – to the point that Venezuelans could only see coverage of the current unrest on a private channel broadcasting from Colombia.

And although the government forced that channel off the Venezuelan airwaves, the fight has migrated online. Opposition leader Leopoldo Lopez has more Twitter followers than the president, but activists have been accused of uploading false information and misleading content.

Viewing Venezuela from both sides of the News Divide, we hear from MP Julio Chavez, representing the Parliamentary Media Commission. Offering the opposite view is Cecilia Colmenares, the former head of news at Globovision. Added perspectives come from author Oscar Guardiola Rivera, and Carlos Lauria, the Americas programme coordinator for the Committee to Protect Journalists.

From an unbridgeable divide in South America, this week’s feature looks at a relationship that could be too close for comfort in the north. With online giant Amazon securing cloud computing contracts, worth a reported $600m, from the CIA, there are those who have viewed the purchase of the Washington Post by Amazon founder Jeff Bezos with alarm.

How might a newspaper that once brought down a president now report on government activities that are hugely profitable for its new owner? The Listening Post’s Flo Phillips examines the issues.

Also in the media news this week: Another individual connected with the Snowden leaks – this time his lawyer – says she was detained and questioned by security staff at London’s Heathrow airport; Turkish journalists are protesting against what they say is censorship and government pressure; and a Libyan TV station is hit with guns and rockets – apparently as a result of its critical reports.

Finally, our Web Video of the Week comes from Russian photographers Vadim Makhorov and Vitaliy Raskalov who were as dismissive of the authorities as they were of a potential 650m drop. The duo has just climbed China’s tallest building – the Shanghai Tower – filming, photographing and blogging all the way up. They completed the ascent without harnesses or safety straps and we are sure many of you watching this will be gripping your armrests as tightly as they held each rung of the ladder on their way to the top.

Un passo indietro nella Crisi Ucraina nell’analisi di Bernard Guetta

Compte à rebours ukrainien

Dall’articolo di Bernard Guetta su Liberationucraina-580x426 del 04FEB2014

Prenons le pire, qui n’est plus improbable. Mauvaise volonté, incapacité à se projeter dans l’avenir ou les deux, les parties ukrainiennes ne parviennent pas à trouver rapidement un compromis. Pouvoir et opposition ne se mettent pas d’accord, dans les jours à venir, sur l’organisation d’une présidentielle anticipée, sur le seul moyen de sortir de cette crise par le haut, et le chef de l’Etat, Viktor Ianoukovitch, se résout bientôt à proclamer une forme ou l’autre d’Etat d’urgence. Ce n’est plus improbable car l’entourage de Vladimir Poutine en est à dénoncer ouvertement un «coup d’Etat rampant à Kiev» et à appeler le président ukrainien à «mater» la contestation.

C’est d’autant moins improbable que l’état-major et le ministère de la Défense ukrainiens en sont venus à s’élever publiquement, à la veille du week-end, contre des désordres qui menaceraient, ont-ils dit, «l’intégrité territoriale» du pays et que les services spéciaux ont parallèlement annoncé l’ouverture d’une enquête contre le principal parti d’opposition pour «tentative de prise du pouvoir».

Prenons donc le pire. Le pouvoir recourt à la force ou tente de le faire et que se passe-t-il ? Le sang coule. Ce drame devient irrémédiable. Des centaines ou des milliers de personnes sont arrêtées et, si l’armée ne se fractionne pas – hypothèse qui n’est pas à écarter car tous les officiers ne sont pas favorables à ce président et moins encore à la Russie – ce pays se divise et, de fait, éclate. Les provinces occidentales, celles qui sont historiquement, religieusement et politiquement tournées vers l’Ouest, déclarent ne plus reconnaître le pouvoir central. Elles ne proclament sans doute pas leur indépendance mais entrent en semi-sécession. D’autres en font autant car le choix de l’Europe, de l’Etat de droit et la démocratie, est aujourd’hui devenu celui de couches entières de la population ukrainienne, jeunesses et élites urbaines en tête, et non plus seulement de l’Ukraine occidentale.

Les troubles s’étendent dans ce qui prend la tournure d’une guerre civile et une ligne de front se dessine entre deux Ukraine qu’il faudra bien appeler, l’une, russe, et l’autre, européenne. Dans ce pays plus grand que la France, en plein cœur de l’Europe, sur ces terres que s’étaient si longtemps disputées l’Empire austro-hongrois, la Pologne, l’Empire russe et la Suède, cette ligne de front divise, autrement dit, bien plus que l’Ukraine.

Si on en arrivait là, c’est le continent tout entier qu’elle en viendrait à diviser en mettant directement face à face l’Union européenne et la Fédération de Russie qui, dans un tel bras de fer, se rangerait tout entière ou presque derrière Poutine.

Alors, non, bien sûr pas, ce ne serait pour autant pas la guerre en Europe. Un siècle après, ce ne serait pas un nouvel août 1914 mais la situation qui se créerait par là n’en serait pas moins catastrophique. Au moment même, d’abord, où le conflit qui ravage la Syrie, ses répercussions croissantes sur les pays limitrophes et les difficiles négociations sur le nucléaire iranien demandent, au contraire, un minimum de convergence entre les grandes puissances, les relations entre la Russie et les pays occidentaux deviendraient aussi exécrables qu’au pic de la guerre froide. L’unanimité nationale qui se créerait en Russie conforterait, en deuxième lieu, le pouvoir de Poutine et ferait reculer d’autant toute perspective d’évolution démocratique à Moscou en muselant la contestation des nouvelles classes moyennes.

Ces deux développements n’auraient rien de rassurant pour l’avenir et le troisième serait encore plus préoccupant. Dans ce scénario malheureusement trop plausible, Poutine serait plus tenté que jamais d’en revenir à une constante de l’histoire russe, le repliement de ce pays sur ses frontières et sa rupture avec le reste de l’Europe qui signifieraient, aujourd’hui, un arrimage économique à la Chine. Non seulement l’Europe occidentale y perdrait une fois de plus l’occasion d’unir et stabiliser le continent dans un partenariat avec la Russie mais la Russie elle-même se mettrait en danger de se faire manger toute crue par la Chine dont le commerce et les marchands grignotent déjà la Sibérie, pacifiquement mais à belles dents.

Non, rien de tout cela n’est souhaitable, pour personne et à aucun point de vue. Rien de tout cela n’est déjà écrit non plus. Le pouvoir et l’opposition ukrainienne peuvent encore éviter de tels enchaînements dont leur pays serait la première victime.

Il faut l’espérer mais le danger est, pourtant, si grand que cette crise requiert au plus vite une offre de médiation de la France, de l’Allemagne et de la Pologne et surtout, avant tout, sans perdre une minute de plus, d’étroits contacts entre Européens et Russes afin de pouvoir faire de l’Ukraine ce qu’elle devrait être – un pays neutre, un pont entre l’Union européenne et la Fédération de Russie.

Creative Europe – new programme, new opportunities

Make a change with Culture!

Creative Europe will provide funding for at least 250 000 artists and cultural professionals, 2 000 cinemas, 800 films and 4 500 book translations. It will also launch a new financial guarantee facility enabling small cultural and creative businesses to access up to €750 million in bank loans.

  • Helps the cultural and creative sectors to seize the opportunities of the ‘digital age’ and globalisation
  • Enables the sectors to reach their potential so that they can contribute to the Europe 2020 goals for sustainable growth, jobs and social cohesion.
  • Opens up new international opportunities, markets and audiences Builds on the success of the MEDIA and Culture programmes

Find all the new Creative Europe Calls here

Rurbance, Urban Coocking and Gardening: il progetto degli orti urnbani a Milano

Rural Urban Governance

Nello Spazio Alpino le aree urbane e le limitrofe aree rurali sono interessate da problemi di degrado paesistico-ambientale,  scarsa qualità delle acque e dei suoli, perdita di biodiversità, frammentazione territoriale, abbandono del territorio, uso intensivo delle risorse, problemi sociali, diminuzione della qualità della vita.

Uno sviluppo equilibrato di questi territori non può essere raggiunto con interventi settoriali ma solo grazie a politiche integrate che sappiano superare la frammentazione. Partendo da questo presupposto, Rurbance svilupperà modelli di governance integrata verso l’implementazione di una Strategia di Sviluppo comune capace di innescare un processo di riqualificazione territoriale che restituisca valore al patrimonio economico, sociale, ambientale e culturale dei luoghi e ricostituisca l’identità del territorio nel suo complesso. In questo percorso le comunità montane/rurali e urbane agiranno come attori paritari in un processo decisionale inclusivo.

Un modello sostenibile di sviluppo economico in questi territori non può che essere fondato sulla combinazione della dinamicità delle aree metropolitane con il potenziale di risorse naturali e il know-how delle aree rurali e montane correlate. Questa visione, punto di palogortenza del progetto Rurbance, apre le seguenti domande:

  • come elaborare una visione comune di sviluppo nella quale tutti i territori siano considerati “generatori di valore” (economico, sociale, culturale, ambientale)?
  • come creare le condizioni per uno sviluppo economico equilibrato che rispetti le relazioni funzionali tra i territori, preservi le risorse naturali, garantisca una mobilità efficiente e sostenibile?
  • come aggregare gli attori pubblici e privati in un modello di co-sviluppo delle aree urbane e rurali?

Con il progetto Rurbance si intende rispondere a questi interrogativi attraverso la definizione di un processo condiviso di buona governance dei rapporti urbano-rurali che sia in grado di coinvolgere tutti gli interlocutori e li indirizzi verso obiettivi comuni.

Il progetto Rurbance mira a:

  • rafforzare/orientare i modelli di governance esistenti (o crearne di nuovi ove necessario) verso un approccio cooperativo per la definizione e applicazione di politiche trasversali e integrate;
  • dare vita ad un processo di co-decisione e co-definizione di strumenti di pianificazione  e di misure socio-economiche che diventino comuni nei processi decisionali a livello regionale e locale;
  • condividere una visione integrata del territorio che guidi le politiche di sviluppo locale in ogni Sistema Territoriale;
  • ri-orientare piani, programmi o progetti per lo sviluppo locale attraverso l’approccio condiviso;
  • dare input a livello europeo, nazionale e regionale per un miglior uso dei fondi di coesione e sviluppo.

Di conseguenza, partendo dal presupposto che le aree urbane e le aree montane/rurali connesse possano essere considerate come un unico sistema territoriale, Rurbance:

  • identifica delle aree pilota rappresentative del rapporto urbano-rurale (territori “rurban”)
  • supporta progetti e strategie di sviluppo basate sulla cooperazione pubblico-privato
  • produce un set di modelli di governance integrabili nelle strategie di sviluppo regionali, nazionali e transnazionali.

L’obiettivo finale è la creazione di una nuova strategia di sviluppo inclusiva capace di superare le politiche settoriali e condurre all’applicazione di un modello di sviluppo per territori competitivi, equilibrati e vincenti. Per raggiungere questo scopo l’approccio partecipativo è fondamentale in quanto la cultura locale, le condizioni geografiche, le strutture economiche e i modelli di governance sono specifici per ogni territorio e indirizzano le decisioni.

Wild Camping – Survival Instinct around the volcano Roccamonfina

Wild Camping – Survival Instinct around the volcano Roccamonfina
25, 26, 27, 28 luglio

Roccamonfina, località Vallaria, Sorgente di Moccia (Caserta)

467495_10201338090958123_981734665_o

Campeggiare in pieno rispetto del luogo. Imparare a riconoscere le risorse che la natura spontaneamente offre. Scoprire un territorio ancora incontaminato dell’alto casertano. Ripensare il concetto di turismo facendolo conciliare con la sostenibilità dei territori al fine di veicolare un messaggio di partecipazione responsabile, di coscienza civile e solidale, di rispetto per la natura che ci circonda.
Questo e tanto altro ancora è il Wild Camping, un eco campeggio organizzato da Itinerari Paralleli all’interno della splendida cornice del Parco Regionale di Roccamonfina, ovvero uno degli apparati vulcanici più antichi d’ Italia, dove paesaggi mozzafiato si alternano a siti archeologici di inestimabile valore storico e culturale.
Nel Wild Camping proveremo a raccontare diverse esperienze di difesa del bene comune inteso nel senso più ampio del termine, promuovendo abitudini virtuose, rispetto dell’ambiente, stili di vita sani e sostenibili, vivendo e capendo realmente il territorio che ci circonda.
Nei quattro giorni del Wild Camping saranno organizzati una serie di workshop e incontri tematici in cui alcuni esperti mostreranno come costruirsi una tenda, accendere il fuoco in sicurezza, creare saponi, riconoscere le erbe del bosco, riusare e riciclare materiale di ogni tipo, purificare l’acqua, solo per citare alcuni degli appuntamenti che prenderanno vita all’interno dell’area attrezzata per l’occasione con bagni, lavabi, cucina e zona relax tutto costruito in maniera ecosostenibile. Ogni sera, inoltre, un appuntamento musicale o teatrale.
Con il Wild Camping vogliamo proporre un percorso di turismo della conoscenza dove l’incontro, l’interazione e la condivisione dei saperi siano alla base di momenti di scambio e di crescita collettiva. Per noi viaggiare in maniera responsabile significa convivere con le dinamiche sociali, umane, antropologiche e paesaggistiche del territorio narrando ogni processo in cui ci immergiamo consapevoli di doverlo rispettare.
Il Wild Camping è l’esperienza di un campeggio totalmente eco-sostenibile aperto a tutti coloro che vogliono vivere per quattro giorni immersi nella natura incontaminata, per dimostrare come il territorio della provincia di Caserta sappia ancora regalare dei meravigliosi angoli di paradiso nascosti che vanno costantemente difesi e tutelati.

A breve il progamma completo

I campi di grano e le spighe dorate, Ariano Iripino

grano
Un nuovo appuntamento promosso dall’associazione eno-gastronomica Saperi Golosi, in collaborazione con Itinerari Paralleli per scoprire “i campi di grano e le spighe dorate” di Ariano Irpino.
Per questa nuova giornata, prevista per domenica 23 giugno, ci spostiamo, quindi, in provincia di Avellino dove proveremo ad entrare nel mondo del grano, visitando la magnifica città irpina, pranzando infine in una antica masseria dell’800
Programma:
Arrivo ad Ariano Irpino alle ore 10,30.
Visita ai campi di grano accompagnati da una guida che ci mostrerà le diverse qualità di grano presenti nella zona.

Pranzo presso una masseria dell”800, nell’aia;
menù:
– pane e olio di ravece;
– salsicchi, ricottine fresche e secche, fior di latte, caciocavallo di monteleone
– gnocchetti di pasta fresca al sugo con fior di latte arianese
– patene pipilli, peperoncini “friarielli”
– ciliege “della signora”, le pere “melelle” e le prugne gialle “li pirune di spagn’ ”
– grappa fatta in casa aromatizzata all’arancia e al limone…

Nel pomeriggio, intorno alle 16,30 visita ad Ariano Irpino (Castello, Cattedrale, Museo archeologico)
Costo 15 euro

Per prenotazioni:
saperigolosi@gmail.com e/o cell 3457045454
o contattare fb susy lieto ed enzo falco
m.miggiano@itinerariparalleli.org
339 83 86 824 Marco

Bicincanto nel Vulcano 2013

90_03Vi segnialiamo questa interessante iniziativa prevista per sabato 22 giugno a Roccamonfina

Bicincanto nel Vulcano 2013
Roccamonfina

terza edizione
Sabato 22 giugno
Trekking notturno con cena all’aria aperta e spettacoli dal vivo
Percorso di trekking della durata prevista di circa 4 ore – difficoltà media.
Arricchiranno la serata spiegazioni sui luoghi visitati, osservazione astronomica, spettacoli dal vivo e tanto tanto divertimento!
Pernottamento in albergo, agriturismo o struttura convenzionata .
 Per chi vuol vivere fino in fondo l’avventura…Possibilità di dormire in tenda nella profonda oscurità del bosco, lontano dagli insediamenti urbani, per vivere un’esperienza unica.
Domenica 23 Giugno
Escursione in MTB o itinerario di trekking
Possibili 6 percorsi:
1 – MTB lungo un percorso di 40 Km sterrato
2 – MTB lungo un percorso di 20 Km sterrato
3 – Bicicletta lungo un percorso di 10 Km asfalto
4 – Percorso di trekking tra i boschi durata 3/3,5 ore
5 – Percorso “easy” per persone a ridotta mobilità o con bambini al seguito
La giornata si concluderàa con il pranzo di arrivederci a base di prodotti tipici.
Costi & Servizi
Intero evento 60 €
trekking di sabato + cena + pernottamento + MTB o trekking di domenica + pranzo
Intero evento con pernottamento in tenda 45 €
Solo domenica con pranzo 20 € – MTB o trekking di domenica + pranzo
Solo sabato 20 € trekking di sabato + cena
Solo domenica 5 € MTB o trekking di domenica
Il prezzo include vari gadget commemorativa dell’evento, foto reportage, traccia GPS. Per il pernottamento si chiede un preavviso di 20 gg. Per il pranzo o la cena un preavviso di 10 gg.
Per coloro che vorranno scegliere la tipologia di alloggio, compatibilmente con le disponibilità, è previsto un sovra costo di 15 €Per info e prenotazioni:
www.bicincantonelvulcano.it
320.8825170
ugomet81@hotmail.com

972225_4820788120673_559316431_n

Wild Camping, 4 giorni nel Parco Regionale di Roccamonfina

wild camping
Wild Camping – Emozioni itineranti

25, 26, 27, 28 luglio
Roccamonfina, località Vallaria, Sorgente di Moccia (Caserta)

Campeggiare in pieno rispetto del luogo. Imparare a riconoscere le risorse che la natura spontaneamente offre. Scoprire un territorio ancora incontaminato dell’alto casertano. Ripensare il concetto di turismo facendolo conciliare con la sostenibilità dei territori al fine di veicolare un messaggio di partecipazione responsabile, di coscienza civile e solidale, di rispetto per la natura che ci circonda.
Questo e tanto altro ancora è il Wild Camping, un eco campeggio organizzato da Itinerari Paralleli all’interno della splendida cornice del Parco Regionale di Roccamonfina, ovvero uno degli apparati vulcanici più antichi d’ Italia, dove paesaggi mozzafiato si alternano a siti archeologici di inestimabile valore storico e culturale.
Nel Wild Camping proveremo a raccontare diverse esperienze di difesa del bene comune inteso nel senso più ampio del termine, promuovendo abitudini virtuose, rispetto dell’ambiente, stili di vita sani e sostenibili, vivendo e capendo realmente il territorio che ci circonda.
Nei quattro giorni del Wild Camping saranno organizzati una serie di workshop e incontri tematici in cui alcuni esperti mostreranno come costruirsi una tenda, accendere il fuoco in sicurezza, creare saponi, riconoscere le erbe del bosco, riusare e riciclare materiale di ogni tipo, purificare l’acqua, solo per citare alcuni degli appuntamenti che prenderanno vita all’interno dell’area attrezzata per l’occasione con bagni, lavabi, cucina e zona relax tutto costruito in maniera ecosostenibile. Ogni sera, inoltre, un appuntamento musicale o teatrale.
Con il Wild Camping vogliamo proporre un percorso di turismo della conoscenza dove l’incontro, l’interazione e la condivisione dei saperi siano alla base di momenti di scambio e di crescita collettiva. Per noi viaggiare in maniera responsabile significa convivere con le dinamiche sociali, umane, antropologiche e paesaggistiche del territorio narrando ogni processo in cui ci immergiamo consapevoli di doverlo rispettare.
Il Wild Camping è l’esperienza di un campeggio totalmente eco-sostenibile aperto a tutti coloro che vogliono vivere per quattro giorni immersi nella natura incontaminata, per dimostrare come il territorio della provincia di Caserta sappia ancora regalare dei meravigliosi angoli di paradiso nascosti che vanno costantemente difesi e tutelati.

Enjoy Green, un’opportunità per riscoprire il Garigliano

IMG_6686

Itinerari Paralleli, in collaborazione con la Polisportiva Ulisse, organizza per domenica 16 giugno una giornata tra natura, impegno sociale e sport. Un nuovo appuntamento per scoprire quei luoghi nascosti ed ancora incontaminati della provincia di Caserta dove sono attive realtà associative e cooperative che lavorano quotidianamente per il riscatto del territorio, promuovendo un tipo di turismo responsabile e sostenibile.

La giornata di domenica 16 giugno si inserisce nel progetto “Enjoy Green…sport and foods” promosso dalla Polisportiva Ulisse e dalla Cooperativa “Al di là dei sogni”. Le proposte “Enjoy Green” intendono soddisfare i gusti di quelle persone che attraverso un turismo sostenibile possono godersi una giornata all’insegna della natura, dello sport e del mangiar sano sostenendo contemporaneamente azioni di riscatto sociale e di economia solidale.

Il programma della giornata è il seguente.
Arrivo in mattinata presso il bene confiscato intitolato ad Alberto Varone a Maiano di Sessa Aurunca (Ce) al cui interno opera la cooperativa “Al di là dei sogni”.
Dopo una breve visita al bene, ci sposteremo in direzione del “Parco Ulisse”, gestito dalla Polisportiva A.S.D. “Ulisse 2010”. All’interno del parco c’è un’ ampia area attrezzata, con circolo canoe e tantissime altre attività per ogni età.  Con esperti istruttori, si potranno svolgere escursioni in canoa sul fiume Garigliano e godere delle bellezze paesaggistiche e naturalistiche. In alternativa alla canoa, c’è la possibilità di un’escursione di media difficoltà e della durata di due ore circa, seguendo un sentiero immerso nel Parco Regionale di Roccamonfina dove ci si potrà immergere in un percorso naturalistico tra castagni ed uliveti secolari, vecchi mulini e torrenti di acqua solfurea.

La preparazione del pranzo sarà affidata al catering della Cooperativa “Al di là dei Sogni” che utilizzerà tutti prodotti realizzati dalla N.C.O. di San Cipriano d’Aversa, i quali provengono dai terreni confiscati alla camorra e sono coltivati in conversione o con metodo biologico oppure sono scelti fra le eccellenze culinarie che il territorio della provincia di Caserta offre.
Il menù sarà il seguente:
– Antipasto della fattoria Al di là dei sogni
– specialità N.C.O. speck e zucchine
– arista di maiale con pisellini e pancetta
– macedonia e dolce.
Acqua e giara di vino o coca sono incluse per un tavolo da sei persone. La seconda richiesta con un’aggiunta di tre euro a giarda da 75 Cl.
Per i vegetariani è previsto, invece, un menù alternativo:
– Pasta patate e provola
– mozzarella di bufala
– antipasto di verdura ed uova
– macedonia e dolce.

Sia per chi utilizzerà la canoa, sia per chi sceglierà l’escursione si consiglia un abbigliamento comodo, sportivo e soprattutto un cambio per chi deciderà di effettuare il giro in canoa. Sempre per la canoa, consigliati vivamente un costume con t-shirt e scarpe da scoglio o da ginnastica vecchie.

Il costo della giornata, compresivo di utilizzo dell’area attrezzata del parco, pranzo ed escusione in canoa o trekking è di 30 euro.
Per chi, invece, volesse usufruire solo dell’area attrezzata del parco e del pranzo, il costo è di 20 euro.

Per una maggiore organizzazione, le prenotazioni devono giungere entro e non oltre il 12 giugno, specificando, se è possibile, se si scelga la canoa, il trekking o solo l’utilizzo dell’area del parco e per quale menù optate, specificando inoltre eventuali intolleranze o allergie a determinati tipi di alimenti.
Gli orari di partenza saranno comunicati in un secondo momento.

Il Parco Ulisse si trova a Sessa Aurunca (Ce) località Maiano, Sp 328 km 21, alle spalle della centrale idroelettrica Enel Green Power. Il bene confiscato Alberto Varone, invece, si trova sempre nel comune di Sessa Aurunca, località Maiano, ma sulla SP 124.

Per info:
Marco 339 83 86 824 – m.miggiano@itinerariparalleli.org
Davide (Parco Ulisse) 328 39 67 498
Titty 331 70 47 502

Meriggi e Miraggi, domenica 2 giugno a Roccamonfina (Ce)

miraggi

Percorsi e Sapori è un programma nato da SLOW FOOD Roccamonfina Massico e LEGAMBIENTE Sessa Aurunca per la promozione del territorio attraverso degli itinerari che uniscono le bellezze naturalistiche ed architettoniche alla genuinità dei prodotti enogastronomici locali.

L’apparato vulcanico di Roccamonfina (Ce) è da sempre un territorio conosciuto per i suoi boschi di castagni e per le sue acque gelide e cristalline. Sin dall’antichità è stato un luogo ambito, scenario di guerra nei conflitti tra gli Aurunci e i Sidicini, tra il Papa Innocenzo II e il Re Ruggero, tra i briganti ed i garibaldini, fino all’ultima guerra mondiale. Dall’impero romano fino al regno delle due sicilie si sono susseguiti saperi e stili diversi che hanno lasciato le loro impronte sull’uso e la cura del territorio e sulle architetture.
Il programma che vi proponiamo è un viaggio nella natura incontaminata, percorrendo i sentieri della storia e delle tradizioni, svelandovi un luogo incantato.
Attraverso i vari appuntamenti avrete modo di conoscere sotto i diversi aspetti, dandovi l’opportunità di viverlo sempre con grande entusiasmo e voglia di nuove scoperte.

Per domenica 2 giugno, Percorsi e Sapori, in collaborazione con l’associazione Itinerari Paralleli, organizza una giornata dal titolo MERIGGI E MIRAGGI che consiste in una
escursione pomeridiana lungo la cinta calderica che si concluderà con un aperitivo presso la MASSERIA STARNALI, dove gusteremo i vini insieme ai prodotti tipici del luogo.

L’appuntamento è previsto alle ore 16:00 in P.zza N.Amore, a Roccamonfina (Ce), muniti di bottiglina d’acqua.
Ore 18:00 visita al sito archeologico mura megalitiche.
Ore 20:30 visita al borgo saraceno di Sipicciano.
Fine giornata prevista per le ore 22:00

Per info e prenotazioni: Donato Gallo 392 11 01 903