Rurbance, Urban Coocking and Gardening: il progetto degli orti urnbani a Milano

Rural Urban Governance

Nello Spazio Alpino le aree urbane e le limitrofe aree rurali sono interessate da problemi di degrado paesistico-ambientale,  scarsa qualità delle acque e dei suoli, perdita di biodiversità, frammentazione territoriale, abbandono del territorio, uso intensivo delle risorse, problemi sociali, diminuzione della qualità della vita.

Uno sviluppo equilibrato di questi territori non può essere raggiunto con interventi settoriali ma solo grazie a politiche integrate che sappiano superare la frammentazione. Partendo da questo presupposto, Rurbance svilupperà modelli di governance integrata verso l’implementazione di una Strategia di Sviluppo comune capace di innescare un processo di riqualificazione territoriale che restituisca valore al patrimonio economico, sociale, ambientale e culturale dei luoghi e ricostituisca l’identità del territorio nel suo complesso. In questo percorso le comunità montane/rurali e urbane agiranno come attori paritari in un processo decisionale inclusivo.

Un modello sostenibile di sviluppo economico in questi territori non può che essere fondato sulla combinazione della dinamicità delle aree metropolitane con il potenziale di risorse naturali e il know-how delle aree rurali e montane correlate. Questa visione, punto di palogortenza del progetto Rurbance, apre le seguenti domande:

  • come elaborare una visione comune di sviluppo nella quale tutti i territori siano considerati “generatori di valore” (economico, sociale, culturale, ambientale)?
  • come creare le condizioni per uno sviluppo economico equilibrato che rispetti le relazioni funzionali tra i territori, preservi le risorse naturali, garantisca una mobilità efficiente e sostenibile?
  • come aggregare gli attori pubblici e privati in un modello di co-sviluppo delle aree urbane e rurali?

Con il progetto Rurbance si intende rispondere a questi interrogativi attraverso la definizione di un processo condiviso di buona governance dei rapporti urbano-rurali che sia in grado di coinvolgere tutti gli interlocutori e li indirizzi verso obiettivi comuni.

Il progetto Rurbance mira a:

  • rafforzare/orientare i modelli di governance esistenti (o crearne di nuovi ove necessario) verso un approccio cooperativo per la definizione e applicazione di politiche trasversali e integrate;
  • dare vita ad un processo di co-decisione e co-definizione di strumenti di pianificazione  e di misure socio-economiche che diventino comuni nei processi decisionali a livello regionale e locale;
  • condividere una visione integrata del territorio che guidi le politiche di sviluppo locale in ogni Sistema Territoriale;
  • ri-orientare piani, programmi o progetti per lo sviluppo locale attraverso l’approccio condiviso;
  • dare input a livello europeo, nazionale e regionale per un miglior uso dei fondi di coesione e sviluppo.

Di conseguenza, partendo dal presupposto che le aree urbane e le aree montane/rurali connesse possano essere considerate come un unico sistema territoriale, Rurbance:

  • identifica delle aree pilota rappresentative del rapporto urbano-rurale (territori “rurban”)
  • supporta progetti e strategie di sviluppo basate sulla cooperazione pubblico-privato
  • produce un set di modelli di governance integrabili nelle strategie di sviluppo regionali, nazionali e transnazionali.

L’obiettivo finale è la creazione di una nuova strategia di sviluppo inclusiva capace di superare le politiche settoriali e condurre all’applicazione di un modello di sviluppo per territori competitivi, equilibrati e vincenti. Per raggiungere questo scopo l’approccio partecipativo è fondamentale in quanto la cultura locale, le condizioni geografiche, le strutture economiche e i modelli di governance sono specifici per ogni territorio e indirizzano le decisioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *